I prodotti tipici e la gastronomia friulana

Un mix di sapori e profumi, frutto di contaminazioni etniche e culturali: una cucina figlia del territorio (mare, monti, pianura, collina) e delle culture, varia come il paesaggio di queste terre. La gastronomia del Friuli Venezia Giulia nasce dal connubio di tre grandi tradizioni culinarie, quella mitteleuropea , quella veneta e quella slava, alle quali si affianca una robusta e saporitissima cucina popolare. Ambasciatori della regione sono ilformaggio Montasio e il prosciutto di San DanieleDOP regionali con l’olio del Carso triestino. Ad essi si affiancano decine di prodotti eccellenti tutti da scoprire, realizzati per lo più artigianalmente e spesso in quantità limitate. Il formaggio Tabor dell’altopiano carsico, ad esempio, oppure il prosciutto affumicato di Sauris, ilMuset, la pitina del Pordenonese (un insaccato aromatizzato), ifagioli della Carnia (ogni paese ne ha una varietà diversa), il prosciutto crudo del Carso, la farina di mais di Mortegliano, i vini del Collio e dei Colli Orientali.

La cucina tradizionale friulana

Nella zona meridionale, all’orlo di una fascia collinare coltivata con vitigni che danno meravigliosi vini, inizia la parte più fertile della regione, una verde pianura che dolcemente degrada fino alla Laguna di Marano, mentre a settentrione si apre, tra le Alpi e le Prealpi Carniche, la Carnia coperta di boschi e di conifere.

Pianura, mare e monti, il Friuli è una varietà di linee che si mescola al colore del folclore, al clima di antica leggenda. Vecchie muraglie, archi e case romaniche, viuzze suggestive rimaste intatte nei secoli, chiesette romaniche e gotiche, campanili duecenteschi; volti di vita tranquilla su silenti cortili, su verdi giardini e sulle placide acque di un fiume, a cui fanno da controcanto con la loro fresca canzone le stupende fontane in ogni piazza di paese.

Gentilissimi e ospitali, i Friulani hanno il culto della famiglia e degli amici e se sentono una corrispondenza sincera sono felici di offrirvi la loro ospitalità, di ammettervi nella loro compagnia facendovi assaggiare il buon musetto di Codroipo (cotechino composto con le carni e il grasso ricavati dalla testa del maiale), le trote e le ciliegie di Bordano, i prosciutti affumicati di Sauris e quelli dolci di San Daniele, il miele, il latte, i formaggi, la cacciagione, tutte cose che non hanno bisogno di presentazione. Vi faranno assaggiare la “salsa di rafano”, i “cialzons“, dal gusto particolare grazie alla presenza di cannella, prezzemolo, menta, uniti allo zucchero e al Cognac, o i loro speciali gnocchetti di semolino, oppure il tipico “ris lujanis“, riso e salsiccia; quest’ultima la si può trovare in numerosi piatti, per esempio nel “paparot“, tipica minestra friulana. Altro piatto molto gustoso è la Bisna (polenta, fagioli e crauti).

Altri piatti caratteristici regionali a base di “Musèt“, un cotechino friulano tenero, dolce, friabile, sono la “brovade“, rape inacidite fatte soffriggere con lardo, olio e burro, servite generalmente come contorno al “musèt”, e i “fasui col musèt“, fagioli che sono come carne tanto sono grossi, morbidi e gustosi.

Ma il vero “jolly” della cucina del Friuli è il Frico, di origine carnica ma diffuso in tutta la regione, sorta di frittata fatta con formaggi di vari tipi tra cui MontasioLatteriaStrissulis e patate. Ogni zona ha la sua ricetta che può comprendere anche cipolle, porri e speck e viene preparato principalmente in due varianti di base: Frico Morbido e Frico Friabile o croccante. Può essere servito come antipasto o come secondo e accompagna egregiamente la fonduta di Montasio, la polenta, i piatti a base di funghi.

Ricco di acque e di verdi boschi, il Friuli offre anche buonissimi piatti di pesce e di cacciagione: le grosse trote, i buoni gamberetti d’acqua dolce aromatizzati con aglio, foglie di basilico e maggiorana più un grosso pizzico di paprica, la lepre in salsa, cotta con un buon mezzo litro di vino rosso genuino. Anche i dolci sono genuini e schietti: “la gubana“, focaccia casereccia con uva passa e pinoli, “il budino alle uova” il cui pregio è dato proprio dalla freschezza delle uova e dal buon latte di montagna.

Maggiori informazioni sui prodotti tipici friulani sul Sito Turistico Regionale.